Il formatore

Pietro Sarubbi può essere formatore, coach, mentore, trainer, perché ha in sé il carisma istrionico e fortemente pedagogico arricchito da una vita vissuta intensamente, che lo porta ad essere un vero maestro.
Questo è recepito dagli adulti, che lo incontrano come formatore e ne riconoscono subito l’umanità fuori dal comune.
Sappiamo che questo è essenziale, per chi deve guidare degli adulti in formazione ad un reale apprendimento.

Le competenze

Le competenze, che mettiamo in campo, lavorano centralmente sullo sviluppo organizzativo, gestito su diversi piani tra loro interagenti:

  • il clima organizzativo;
  • la comunicazione come condivisione di significati per una prassi efficace;
  • la motivazione interna ed esterna sul lavoro;
  • il team building come dimensione strategica, da monitorare e potenziare costantemente, per affrontare le continue sfide del mercato;
  • le competenze trasversali;
  • le strategie di comunicazione efficace e public speeching per i manager e quadri.

Il metodo

Le metodologie di formazione oggigiorno più efficaci e accreditate possono essere innanzi tutto classificate attraverso il setting formativo scelto.
E’ ormai risaputo che, il luogo in cui si fa formazione, incide significativamente sull’esperienza formativa e, quindi, sulla “ritenzione dell’apprendimento”.
Questa è la “ricaduta concreta” che, in termini di valore aggiunto al lavoro, raggiunge solo una formazione ben fatta.
La prima scelta da fare è se all’interno delle strutture aziendali oppure al di fuori: indoor (la classica aula) oppure outdoor, cioè nelle svariate forme all’aperto o in contesti non istituzionali (teatro, laboratori speciali, palestre…).
Sarubbi Formazione ha comprovata esperienza in entrambi gli ambiti, ma l’outdoor ha mostrato la sua peculiare efficacia, potenziato dalle nostre competenze.
Questo perché gli adulti in formazione hanno la necessità, affinché l’apprendimento sia reale, che vi sia un alto contenuto d’ attivazione fisica e intellettuale.
In forza di ciò usiamo vari metodi, che rispondono a quest’esigenza dei gruppi di lavoro:

  • l’action learning;
  • Il metodo dei casi;
  • il coaching personale;
  • l’esercizio psicosociale;
  • il laboratorio esperienziale;
  • il role-playing;
  • il T-group.

Il format

Il Guerriero, il Sacerdote ed il Clown è il format attraverso il quale abbiamo avuto molti successi in questi anni.

Per fare formazione usiamo spesso tre metafore, affinché si possano comprendere tre dimensioni del vivere e del lavorare necessarie, per promuovere se stessi e il proprio lavorare in modo armonico.

Il Guerriero rappresenta la motivazione, la forza interiore, il coraggio, l’amore per le sfide, la responsabilità nei confronti del proprio obiettivo e la serietà nell’autodisciplina, da cui dipende il risultato positivo di un team di lavoro e il suo successo.

Questa figura porta con sé anche l’importanza dell’esperienza vissuta e da trasmettere responsabilmente ai discepoli-neofiti.

Il lavoro di comunicazione di questi concetti viene basato sulla quintessenza delle arti marziali.

Il Sacerdote concentra in sé la sacralità che si percepisce nel proprio lavoro, l’enorme valore della ritualità come gesto sacro, l’abilità nel concentrarsi, la creazione dell’energia carismatica e il potenziamento della propria forza mirata all’elevazione dell’autostima.

Per approfondire quest’aspetto, che rende unica la formazione di Sarubbi, egli ripropone il frutto d’esperienze e riflessioni personali maturate in Oriente.

Pietro Sarubbi visse, infatti, un periodo della sua vita viaggiando e, come nell’antichità, questi anni della sua vita furono quelli in cui maturò umanamente attraverso un’ampia e integrale auto-formazione.

Visse per un periodo in Tibet con monaci shaolin e gli Indios in Amazzonia, ma la meditazione la apprese in India.

Si sviluppa in lui così una coscienza su sé e, tornando in Occidente anche sul gran valore dell’approccio orientale alla vita e soprattutto alla dimensione lavorativa.

Le competenze personali del formatore maturo in questo modo sono pedagogicamente trasmesse, per rispondere alle necessità della vita aziendale.

Il clown rappresenta il piacere, il godimento del successo, la gratificazione, la conoscenza del linguaggio non verbale, l’arte dell’attore applicata alla pura comunicazione, le tecniche teatrali più varie, per arricchire la conoscenza della comunicazione ed avere così più strumenti per decodificare un interlocutore.

Tutto ciò viene dalla lunga esperienza teatrale e cinematografica di Pietro Sarubbi.

E’ da diversi anni insegnate di recitazione alla Civica Scuola di Teatro “P.Grassi” e alla Civica Scuola di Milano nonchè docente di Mediazione Linguistica presso il Dipartimento di Lingue delle C.S.M. (Civiche Scuole di Milano).

Le esperienze

Nel settore pubblico nazionale:

  • Scuola di Cinema Televisione e Nuovi Media
  • Civica Scuola di Cinema di Milano
  • Civica “Scuola d’Arte Drammatica P. Grassi ex Piccolo Teatro di Milano”;
  • Dipartimento di Lingue Scuole Civiche di Milano;
  • Fondo Sociale dell’Unione Europea per la Formazione;
  • Provincia di Livorno;
  • Comune di Briosco (MI);
  • Comune di Renate (MI);
  • Comune di Veduggio (MI);
  • Coperativa Pelagos;

Nel settore pubblico internazionale:

  • Università Federal de Bahia Brasile;
  • Secretaria de Estado da Cultura Brasile;
  • Centro di ricerca “Sunil” (CH).

Nel settore privato:

  • A.N.D.I. Associazione Nazionale Dentisti Italiani;
  • B.P. Italia Spa;
  • BLEU WHITE Diamanti Srl;
  • CAROLI HEALTH Club Srl;
  • C.E.S.C.O.T. Toscana;
  • CASTROL Italia Srl;
  • DARMON Line Srl;
  • DOUGLAS Spa;
  • EUROTHERM Spa;
  • FIAT After Sales;
  • FITNESS CORPORATE ACADEMY;
  • LIFERGY Srl;
  • MATTEL Italia Srl;
  • PASQUALE BRUNI Gioielli Spa;
  • PERSONAL CARE Srl.;
  • SKY Italia;
  • TESMED Italia;
  • UNILEVER FABERGE